UNITED RICCIONE – SAMB 2-3

UNITED RICCIONE: 1 Rossi, 19 Ndoj, 23 Chiesa (7’st 6 Martinelli), 3 Syku, 15 Moray, 40 Diodato, 30 Tonelli (22’st 10 Ferrara), 8 Caponi, 17 Matteucci, 9 Maio (41’st 27 Lisai), 77 Samb.
All: Riolfo
A disp: 1 Bulgarelli, 11 Napolitano, 14 Carpentieri, 20 Pichierri, 24 Pellacani, 29 Sylla

SAMBENEDETTESE: 1 Coco, 15 Zoboletti, 17 Pezzola, 23 Sirri, 3 Pagliari (34’st 24 Pietropaolo), 37 Toure, 6 Arrigoni, 8 Scimia (43’st 30 Bontà), 65 Senigagliesi (25’st 5 Sbardella), 96 Martiniello (18’st 9 Tomassini), 11 Battista (34’st 82 Lonardo)
All: Lauro
A disp: 33 Ascioti, 7 Paolini, 32 Chiatante, 80 Mbaye

Arbitro: Alessandro Pizzi di Bergamo
Assistenti: Andrea Cocomero di Nichelino e Domenico Lombardi di Chieti

Reti: 8’pt Martiniello (S), 27’pt Samb (R), 6’st Senigagliesi (S), 37’st Caponi (R), 49’st Sbardella (S)
Recupero: pt 1′; st 4′
Ammoniti: 32’pt Chiesa (R), 32’st Lauro (S), 47’st Riolfo (R), 49’st Sbardella
Angoli: 2-5
Spettatori: 1.500 ca di cui 1.169 ospiti

Vietato fallire. E’ così è stato. Il mantra della truppa capitanata da mister Sirri è tornata alla vittoria dinanzi al pubblico di casa, se così si può dire, considerata l’invasione rossoblù al Nicoletti di Riccione. Quando tutto sembrava presagire un triste pareggio, il coniglio dal cilindro di Sbardella fa saltare la Samb a -2 dal Campobasso, mandando in delirio i supporters rivieraschi che di un ennesimo punto non ne volevano proprio sapere.
Il match parte subito con l’acceleratore premuto da entrambe le fazioni: il Riccione ci prova al primo giro di orologio con Diodato su iniziativa di Maio ma stecca clamorosamente; poco dopo reazione della Samb con Martiniello che spedisce sopra la traversa; ancora Riccione con Samb ma Coco fuga via ogni dubbio. All’8′ arriva il primo squillo di stampo rossoblù con Martiniello che, con uno splendido pallonetto, supera un Rossi inerme.
Al 20’st gli ospiti provano a raddoppiare con una schiacciata di testa di Pagliari prontamente respinta da Rossi; la palla resta lì, il terzino umbro riprova la giocata ma un difensore romagnoli allontana con un presunto tocco di mano scatenando veementi proteste rossoblù. Proprio mentre la Samb sembra vicina al 2-0, arriva la rete del pareggio con (ironia della sorte) Samb che, in girata, trafigge Coco. Prima dell’intervallo, Martiniello, Battista e due volte Scimia tentano di ribaltare il risultato, ma il tabellino rimane inchiodato sull’1-1.
Nella ripresa, dopo soli 6′, eccolo il sorpasso targato Senigagliesi che, imbeccato da Scimia, stende Rossi e torna a far ben sperare il pubblico rossoblù. Il Riccione non si lascia abbattare e tenta di ripristinare lo status quo prima con Caponi e poi con Samb. E proprio al 38’st arriva la doccia gelata: con una staffilata dalla distanza Caponi penetra Coco per il 2-2. Sembrava tutto perduto, ma, sul gong, Sbardella regala la gioia agli oltre 1200 cuori rossoblù: Pietropaolo butta al centro un cross che il difensore romano trasforma di testa in palla gol per il definito sorpasso. Ed è 3-2.
Parafrasando Venditti, “e quando pensi che sia finita, è proprio allora che comincia la salita. Che fantastica storia la Samb”.

ULTIMI ARTICOLI