PLAYOFF AVEZZANO – SAMB 1-2

AVEZZANO: 1 Brusca, 3 De Lorenzo, 5 Ferrani, 10 Senesi, 11 Tounkara (20’st 92 Ortolini), 13 Onazi, 14 Verna (c) (32’pt 90 Forte)(40’st Bolo), 17 Marzuillo (31’st 45 Ribaudo), 20 De Silvestro (47’st 16 Luciani), 23 Filippini, 55 Mascella
All: Pagliarini
A disp: 12 Cultraro, 6 Olivieri, 19 Golia, 99 Damcevski

SAMBENEDETTESE: 33 Ascioti, 3 Pagliari, 7 Paolini, 9 Tomassini, 11 Battista (43’st 37 Toure), 14 Barberini (31’st 8 Scimia), 15 Zoboletti, 23 Sirri (c), 30 Bontà (5’st 96 Martiniello), 32 Chiatante (22’st 17 Pezzola), 65 Senigagliesi (8’st 77 Cardoni)
All: Mancinelli
A disp: 1 Coco, 5 Sbardella, 16 Sciarra, 82 Lonardo, 96 Martiniello

Arbitro: Davide Galiffi di Alghero
Assistenti: Arli Veli di Pisa e Angelo Di Curzio di Civitavecchia

Reti: 4’st Senesi (A), 15’st Chiatante (S), 18’st Martiniello (S)
Ammoniti: 37’pt Bontà (S), 40’pt Mascella (A), 43’pt Sirri (S), 47’pt Tounkara (A), 12’st Onazi (A), 48’st Luciani (A)
Espulsi:
Angoli: 4-6
Recupero:pt 2′; st 6′
Spettatori: 1.000 ca

Così come fu al ritorno al Riviera, la Samb strappa una vittoria d’oro contro l’Avezzano per 2-1, volando in finale dove incontrerà l’altra squadra marsicana, L’Aquila. Una partita, sulla carta, che poteva apparire proibitiva per gli uomini di mister Mancinelli considerata la posizione di classifica dei bianacoverdi e i numerosi acciaccati in casa rossoblù. Eppure il tecnico recanatese, dal suo insediamento come allenatore in prima, ha saputo mettere ogni tassello al suo posto e decifrare la gara in corso.
Il primo tempo si rivela piuttosto avaro di emozioni, ad eccezione di due occasioni casalinghe nella prima mezz’ora che non hanno impensierito più di tanto Ascioti.
E’ la ripresa il cuore attivo e pulsante del match. Al 5′ arriva la rete dell’Avezzano con Senesi che tira un bolide dalla distanza per l’1-0. Mister Mancinelli ricorre ai ripari con i cambi e sferra le mosse vincenti. Al 15′ Chiantante raccoglie fuori area un pallone respinto dalla difesa marsicana e scossa un bellissimo tiro al volo di esterno sinistro che si infila sotto all’incrocio dei pali. Secondo gol per il terzino brindisino che,in questo scorcio di campionato, ha messo in mostra le sue qualità. Dopo soli 3 minuti arriva il raddoppio con Martiniello: Pagliari spedisce al centro dell’area un cross rasoterra velenoso che il toro di Aversa riesce a deviare in porta avventandosi sulla palla.
Nei minuti restanti Cardoni e Tomassini si rendono protagonisti di due ghiotte occasioni che, però,non riescono a concretizzare.
Ora l’ultimo sforzo per cercare di afferrare il sogno C: battere L’Aquila. Senza se, senza ma.

ULTIMI ARTICOLI